Il Dog Meat Trade e la storia di Boonrod, il cane salvato dalla pentola

Ogni anno, in Asia, fra 30 e 50 milioni di cani e di cagne – il cui 90% viene rapito dalla famiglia con cui vive – finiscono in una spirale di violenza inimmaginabile causata dal DMT (dog meat trade): una vera e propria strage di creature torturate e uccise per soddisfare le richieste di un mercato in cui girano miliardi di dollari.

Anche se molti anni fa cibarsene era un’usanza radicata nella cultura di alcuni Paesi, oggi la carne canina non è un piatto tradizionale, bensì una specialità costosissima e consumata sulla base di credenze infondate: in alcuni Stati si ritiene infatti abbia proprietà magiche come preservare dal caldo e dal freddo, sostituire il Viagra o, addirittura, portare fortuna. Negli stessi Paesi si crede inoltre che l’adrenalina prodotta prima dell’uccisione renda migliori qualità e sapore della carne; così, per spaventarlo e farlo soffrire di più, ogni esemplare viene torturato nei modi più cruenti: scuoiato mentre è ancora in vita, impiccato di fronte al resto del gruppo o bollito a fuoco basso affinché patisca i dolori più strazianti e non muoia in fretta per annegamento.

Le associazioni animaliste che si impegnano per combattere le atrocità di quello che viene definito  “il commercio della vergogna” sono numerose, e tra loro un ruolo di spicco ha la fondazione Soi Dog, che dal 2003 organizza campagne di salvataggio, sterilizzazione e assistenza veterinaria in tutto il Sud Est asiatico e lotta per porre fine al DMT. Nel dicembre del 2014, grazie alla pressione che Soi Dog e altre associazioni hanno esercitato sul governo, la Thailandia lo ha bandito per legge e, in seguito a questo provvedimento, il numero delle vittime è calato drasticamente. In altri Stati – primi fra tutti Vietnam e Corea del Sud –, però, il DMT è ancora consentito e continua a procurare indicibili sofferenze. Anche in Cina, nonostante il ministro dell’agricoltura abbia recentemente inserito cani e cagne nella lista degli animali da compagnia e il 70% della popolazione cinese dichiari di non averne mai mangiato la carne e di essere favorevole a una legge che ne vieti il consumo, il governo nazionale non ha ancora proibito esplicitamente tale pratica.

Paola Tonussi con Boonrod

«L’unico modo per contrastare la crudeltà contro gli animali, fermare e poi, eventualmente, punire le persone coinvolte nel DMT è avere una legge che lo proibisca», ha affermato in una recente intervista con Light Magazine Paola Tonussi, ambasciatrice italiana di Soi Dog e scrittrice che nel 2015, dopo aver letto sulla pagina Facebook della fondazione la storia di Boonrod, ha deciso di adottare questo cane sopravvissuto al commercio della vergogna per raccontarne poi la vicenda in un romanzo. Il libro, intitolato proprio Boonrod (colui che è stato salvato, in thailandese) e pubblicato da Qui Edit, si ispira a fatti realmente accaduti e ha per protagonista un cane liberato dai volontari Soi Dog un attimo prima di essere scuoiato nella macelleria abusiva in cui era rinchiuso.

Un verso della poesia Gli animali del circo di Wislawa Szymborka recita: «Mi vergogno molto, io – umano» ed è proprio una vergogna totale e senza scusanti la sensazione che dovremmo provare nel vedere qualunque essere vivente mutilato o rinchiuso in una gabbia microscopica. Vergogna per la sofferenza che la nostra specie è in grado di infliggere alle altre e per la violenza con cui certi umani trattano creature che, come scrive Tonussi, continuano nonostante tutto «a fidarsi ancora di noi e a dimostrarci ogni giorno il loro amore».

Tale orrore può avere fine e chiunque può contribuire a fermarlo: per quanto il gesto più eclatante che possiamo compiere consista in un’adozione fisica o a distanza, anche interessarsi ai drammi e alla barbarie del DMT frequentando le pagine social di associazioni animaliste e finanziandone i progetti tramite donazioni o acquisti online può garantire ad animali come Boonrod la libertà che meritano. Solo così, all’interno dei rifugi di una fondazione o nelle case di persone dal cuore grande provenienti da tutto il mondo, la compagnia affezionata di un essere umano si sostituirà finalmente a questa carneficina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *